La disfagia

Cos’è

L’insieme delle alterazioni che possono insorgere durante la deglutizione può essere racchiuso in una unica parola: disfagia. Essa è stata in passato definita come un’alterazione della deglutizione e quindi non configurata come malattia, ma come un segno o un sintomo di un’altra patologia. Attualmente, sempre più spesso viene però considerata come una patologia a sé stante con un’eziologia, un decorso ed un trattamento specifici.

La visione del video potrebbe rilasciare dei cookies di terze parti per i quali è richiesto il consenso esplicito. Continuare?

Che cos'è la deglutizione

Quali sono le cause

La malattia causante non riguarda necessariamente l’apparato deglutitorio, ma può essere una disfunzione localizzabile anche a distanza.

Tra le patologie localizzabili a distanza rientrano tutte quelle infettive e neurodegenerative mentre tra quelle che colpiscono direttamente l’apparato deglutitorio vi sono quelle strutturali come i tumori o gli spasmi muscolari. Vi possono essere inoltre cause esterne, iatrogene, come l’utilizzo eccessivo di alcuni farmaci.

In quanto alterazione generalizzata della deglutizione, la disfagia può riguardare l’assunzione di soli cibi solidi, semisolidi, semiliquidi, liquidi oppure una combinazione qualsiasi delle precedenti consistenze.

Chi colpisce

La disfagia può interessare bambini, adulti e anziani. La prevalenza di disfagia nella popolazione generale, viene stimata attorno al 20% con un aumento molto significativo nella popolazione anziana.
Picchi di frequenza si osservano in ospedali per acuti, centri di riabilitazione e strutture residenziali per anziani. Studi condotti sui pazienti istituzionalizzati mostrano una incidenza di alterazioni della deglutizione che varia dal 30% al 50%.

La visione del video potrebbe rilasciare dei cookies di terze parti per i quali è richiesto il consenso esplicito. Continuare?

Che cosa sono la disfagia e le aspirazioni

I sintomi

La disfagia può manifestarsi attraverso:

  • Segni diretti: tosse, necessità di deglutizioni ripetute per ingoiare il boccone, fastidio durante la deglutizione
  • Segni indiretti: calo di peso (malnutrizione dovuta al ridotto apporto alimentare), disidratazione (causata dall’insufficiente introduzione di liquidi ed anche dalla compromissione della regolazione della sete, soprattutto negli anziani) ripetute infezioni alle vie respiratorie (la più comune complicanza della disfagia è rappresentata dalla polmonite ab ingestis, che si determina a causa del passaggio di liquidi/alimenti nella trachea o nei bronchi).