Denutrizione

Cos’è

La denutrizione, intesa come condizione di sottopeso, è un problema di salute pubblica molto serio, che è stato correlato con un’importante incremento del rischio di mortalità e di morbilità. Essa può derivare da una carenza alimentare protratta, in cui il dispendio energetico è superiore alle entrate, o da disturbi del metabolismo, in cui i processi catabolici prevalgono su quelli anabolici. Essa viene inoltre definita come “malattia nella malattia” in quanto, se presente, riduce la capacità della persona di guarire dalla malattia di base.

La visione del video potrebbe rilasciare dei cookies di terze parti per i quali è richiesto il consenso esplicito. Continuare?

Che cos'e' la denutrizione?

Quali sono le cause

La denutrizione proteico-energetica è causata da una carenza di nutrienti nella dieta. Questa carenza può derivare da fattori sociali quali solitudine, povertà o dipendenza da alcol o droghe; da fattori fisici quali anzianità, disabilità, edentulia o alterazioni del gusto e dell’olfatto; da condizioni mediche che possono causare una perdita di appetito (es. tumore), un’alterazione dello stato cognitivo (es. malattie neurodegenerative), frequenti ricoveri in ospedale o disturbi del comportamento alimentare; da farmaci. Tra le cause di denutrizione è stata inoltre riscontrata la disfagia, in quanto la persona impiega più tempo durante il pasto e incorre nel rischio di aspirazione.

Chi colpisce

La denutrizione può essere presente ad ogni età, ma quella proteico-energetica è tipica degli anziani dove colpisce in media il 23% della popolazione di interesse. Picchi di frequenza si osservano nei centri di riabilitazione con una prevalenza superiore al 50%; negli ospedali con una prevalenza superiore al 38% e nelle strutture residenziali per anziani con una prevalenza pari a circa il 40%.

Picchi di frequenza si osservano nei centri di riabilitazione con una prevalenza superiore al 50%; negli ospedali con una prevalenza superiore al 38% e nelle strutture residenziali per anziani con una prevalenza pari a circa il 40%.